venerdì 25 marzo 2016

Andrea Cosentino - La savana



Autore: Andrea Cosentino
Titolo: La savana
Editore: L’ArgoLibro
Anno di pubblicazione: 2016 
Numero pagine: 490
Copertina: cartoncino brossurato, sovraccoperta a colori
Formato: 16x24
Codice ISBN: 978-88-98558-67-4
Prezzo di copertina euro 12,00
Spese di spedizione euro 4,63 (raccomandata postale)
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 
Per contattare l’autore: starland67@alice.it    

Andrea Cosentino, al suo esordio letterario, ci regala un romanzo particolarmente “movimentato”, appassionato e appassionante nel suo svolgersi attraverso una godibilissima ricchezza di particolari e di scene d’azione descritte con grande efficacia.
Un romanzo del tutto verosimile, immerso nella realtà italiana di oggi, con tutti i limiti di apparati burocratici o addirittura deviati che remano contro la caparbietà e l’onestà del protagonista. Che, a sua volta, non è certo un “eroe senza macchia e senza paura”, come ci ha abituati certa letteratura del genere che oggi sarebbe quanto meno risibile.
“La savana” è un romanzo che avvince e convince per vari motivi: per la bravura dell’autore nel saper “amalgamare” i tanti pezzi del puzzle che compongono il mosaico; per i tratti del tutto convincenti con cui sono descritti i protagonisti e i co-protagonisti; per il rigore con il quale chi scrive sa “accompagnare” il lettore tra i meandri di una trama che si segue con crescente interesse… per questi e tantissimi altri motivi, che naturalmente sarà chi legge il romanzo a scoprirli man mano.
Tra i vari aspetti sviluppati dal romanzo, va posta l’attenzione anche sull’entanglement quantistico, ossia la stretta correlazione esistente tra entità separate dal tempo e dallo spazio. Ne parla, in appendice all’opera, lo psicologo Roberto Fabrizi, collegando gli attualissimi sviluppi di questa teoria a quella della sincronicità sviluppata da Carl Gustav Jung.
“La savana”, quindi, è una pubblicazione di formidabile attualità, il cui grande valore è letterario ma va anche al di là, riuscendo a coinvolgere il lettore in un appassionante viaggio nei nostri tempi. 


3 commenti:

  1. Una recensione degna di un consumato romanziere ma che non aggiunge nulla al valore e alla complessità della trama, anzi ne esalta le peculiarità.
    Sono felice, con questa mia opera prima, aver centrato uno dei miei principali scopi: dare a chi legge la possibilità di entrare, per interposta persona, cioé io, nel mondo del personaggio e respirarne la tensione e le emozioni.
    Perché, al di là dei suoi dubbi, delle sue gioie e dei suoi fallimenti, è sì un uomo normalissimo, ma dotato di un prepotente senso dell'onesta, con tanti ricordi e qualche rimorso.
    Ma crescerà man mano diventando anche un eroe, suo malgrado.
    E ora al lavoro con il secondo "tomo": "Il canto della sirena"!

    RispondiElimina
  2. Da Antonella Penna per Nunzia Tamasco:
    "Recensione della prima lettrice, mia mamma( io purtroppo ancora non ho iniziato):
    "È una bella storia che dà vita a sentimenti profondi, a dubbi esistenziali, a ricerche di significati. La scrittura è chiara e scorrevole e ciò che non guasta è l'uso di un buon italiano. La storia d'amore tra i due protagonisti è intensa, profonda e totale, mai volgare. Per chi, come me, ama il paese in cui ha lasciato le sue radici e a cui torna perché le pietre le parlano, riconoscere in pochi cenni il borgo, la chiesetta, il porto, lo scoglio, il vallone e altro, questo libro è un omaggio. In queste pagine riconosco il ragazzo che amava gli aerei, i libri e le conversazioni con una zia che viveva lontano. Ciao. Zia Nunzia"

    RispondiElimina
  3. Andrea Cosentino, autore dell’ opera LA SAVANA, ha vissuto e vive questa esperienza di scrittore in modo emozionante e travolgente proprio come deve essere quando l’attività creativa ti prende, ti possiede! Sarà anche per questo che, nonostante sia la prima esperienza, si rileva un ottimo narratore dotato di una fervida fantasia. Un bravo scrittore deve saper entrare nel cuore e nella mente dei suoi personaggi, creare uno stile proprio, personale, scorrevole, uno stile che deve eccitare, stimolare, incuriosire, Andrea Cosentino è riuscito benissimo nell’intento. Attraverso una trama avvincente, le inquietanti e disperate atmosfere, il mistero, il coinvolgimento emotivo, l’espediente della tensione continua e costante che deriva dalla suspense, tutte caratteristiche tipiche del romanzo thriller poliziesco a sfondo psicologico, il lettore viene coinvolto e si rende partecipe degli avvenimenti narrati senza alcun calo dell’attenzione. Eccezionale la descrizione delle scene di azione come pure l’analisi introspettiva dei protagonisti tormentati dalla loro complessa mente umana e la preferenza va in modo particolare all’indagine di quelle misteriose coincidenze che determinano eventi miracolosi e inspiegabili. Esamina inoltre, in modo approfondito, i meandri della giungla sociale in cui viviamo, difatti ben appropriato il titolo “La savana”, luogo impervio dove gli artigli sono sempre sfoderati, la battaglia ha inizio in ogni momento della giornata, vita e morte che si incontrano, predatori e prede in costante lotta cercando disperatamente di sopravvivere. Tuttavia, leggendo questo avvincente libro, si evidenzia un messaggio bello, importante che apre uno spiraglio di luce e ci invita a sperare: è quello dato dalla forza dell’amore, unico e solo valore che trionfa, dà senso alla vita, fa superare le difficoltà, nobilita la persona, arricchisce la nostra limitata esperienza individuale, rende l’esistenza una meravigliosa avventura. Sicuramente Andrea ci farà riflettere e, senza ombra di dubbio, avendo una passione autentica per la scrittura, una passione cullata da tempo ed esplosa con una forza come un fiume in piena , in un prossimo futuro sentirà di nuovo l’esigenza di trasferire il proprio ricco universo interiore in nuove pagine vibranti e avvincenti. Maria Rosaria Verrone

    RispondiElimina